Blog

15 Feb 2005

“Scrivere una fatica nera” di Alessandro Lucchini

"Scrivere. Una fatica nera della collana" - "I quaderni di Comunico", Deus Editore.

Scrivere una fatica nera Alessandro LucchiniUn libro interamente dedicato all’uso della parola scritta, rivolto a tutte le persone che, per lavoro o per passione, scrivono. Una guida pratica che raccoglie il contributo di idee e di esperienze, oltre che dell’autore, di alcuni noti specialisti della comunicazione professionale.

L’obiettivo cui tendono tutti i capitoli del libro è quello di presentare la scrittura come un patrimonio di tecniche e di procedure destinate a una vasta gamma di finalità. Questo pratico manuale che è un insieme di teoria e pratica, presenta in modo molto semplice alcune tecniche di scrittura accreditate dall’esperienza professionale.

Il volume è suddiviso in quattro parti al fine di cogliere i diversi aspetti della scrittura: l’uso della parola scritta, la forma e lo stile che l’accompagnano e tutto quello che c’è oggi oltre la parola scritta – la rivoluzione digitale e internet – .

Dopo aver affermato che oggi si scrive più spesso per lavoro che non per distrarsi, Lucchini formula dei consigli pratici su come utilizzare la parola scritta nelle varie situazioni in cui essa viene maggiormente usata: scrivere una lettera, redigere un comunicato stampa, realizzare una newsletter, comunicare un evento o semplicemente per scrivere un curriculum.

Un libro che si propone, quindi, come un fedele compagno di scrivania non solo per coloro che usano la comunicazione scritta come strumento per svolgere il proprio lavoro, bensì per tutte le persone che per qualsiasi finalità usano la parola scritta.

Alessandro Lucchini, dopo aver maturato una consistente esperienza giornalistica con le maggiori riviste italiane di comunicazione e management (tuttora tiene rubriche su “dm&c” e su “Comunico”), nel 1991 ha fondato Rio Studio, agenzia di creatività per l’impresa, insieme con Gerardo Iuorio. Autore di articoli e relazioni congressuali sulla creatività nella comunicazione.

Lascia un commento